Le nostre colonie: una storia magica

 In News

colonie

La storia delle colonie di Fondazione ATM fonda le sue radici in un passato che, in qualche modo, rivive ogni anno con le nuove partenze. Una storia che inizia in un altro millennio, quando il vissuto dei ragazzi era talmente diverso da quello dei ragazzi di oggi da sembrare provenire da un altro pianeta. Eppure, una cosa è rimasta intatta in tutti questi anni: l’emozione di quei bambini e di quei ragazzi che intraprendono un’avventura unica.

Un’esperienza che è molto di più di una vacanza: è un nuovo mondo da esplorare ed è un’occasione unica di scoperta, di crescita e di socializzazione, quella vera, oggi quasi demodé… nel regno indiscusso dei social network che vede tutti sempre connessi e sempre più soli. Ed è forse proprio in questo momento che è ancora più bello poter parlare, organizzare e vivere la “colonia”: un’immersione autentica nella vita dei ragazzi in una vacanza fatta di attività nuove, di giochi, di esperienze che fanno crescere e che rimarranno per sempre nei ricordi dei piccoli ospiti di Fondazione ATM.

E c’è tutta la forza di questa magia dietro gli sforzi compiuti in questi anni da Fondazione ATM per continuare ad offrire questa opportunità ai figli dei figli di allora, per rinnovare senza mai snaturare questa importante tradizione, per ricercare dei partner in grado di riempire di contenuti di qualità questi momenti unici, per riscoprire e riportare a nuova vita la storica località di Fondo Val di Non.

E la macchina organizzativa de L’Orma si nutre di questa magia e ogni anno la fa rivivere. Una macchina fatta di persone che le colonie le hanno a cuore come se quei bambini in partenza fossero i loro, come se l’unico obiettivo finale – quello che alla fine conta – sia solo riuscire a riaccendere ogni anno quell’emozione, mista di coraggio e timore, nei loro occhi. Sapendo che al ritorno si sarà trasformata in uno sguardo più sicuro e fiero per i traguardi raggiunti; sapendo che, al ritorno, quegli occhi apparterranno a bambini e ragazzi più “grandi”.

E allora non ci resta che augurare buon viaggio a chi si appresta a partire e buon divertimento a chi è già partito. Con un saluto che è anche una promessa: alla prossima estate!

Elisabetta Guidato

Fondazione ATM

Recent Posts