01×05 “I racconti del L’Orma”: vi racconto la “Didattica in Movimento”

 In News
didattica_icon-nj26gl7v03aguumu9ouj0i1v460ohhz4m9leeo0uds

Mi ha sempre affascinato il nome di questo progetto: “Didattica…in movimento”. La didattica è la teoria e la pratica dell’insegnamento. Mi piace l’idea che un ambito importante come quello educativo e di insegnamento possa essere sempre in evoluzione, mai statico e autoreferenziale, ma vivo e in continuo, appunto, movimento. E per i bambini quale miglior modo di apprendere e consolidare alcuni concetti didattici “teorici” come lo spazio, la musica, la cooperazione, la gestione delle emozioni, se non attraverso il divertimento e il movimento?

Aggiungiamo alla ricetta un po’ di musica, di attività teatrale e di collaborazione tra il gruppo e il divertimento è assicurato! E divertendosi, è certo, si impara molto di più grazie al clima sereno e confortevole.

“Didattica…in movimento” è un percorso multidisciplinare creato da L’Orma e nato dall’incontro tra l’attività motoria e ritmico-musicale. Il percorso fa emergere e sviluppa la motricità e le capacità corporeo-espressive insite in ogni bambino e favorisce la collaborazione nella classe.

Attraverso giochi, attività ed esercitazioni, i bambini consolidano e perfezionano gli schemi motori di base, acquisiscono una maggior consapevolezza del proprio corpo, oltre che riconoscere il corpo come mezzo d’espressione comunicativa.

Nel percorso di “didattica in movimento” che ho fatto in alcune classi subito ho notato quanto i bambini, migliorassero, lezione dopo lezione, la gestione dello spazio, del corpo, della relazione con i compagni grazie alle attività e ai giochi proposti. E per gli insegnanti le lezioni erano un’ottima “palestra” dove poter osservare e interpretare i comportamenti dei bambini e le relazioni del gruppo.

Alla fine del percorso abbiamo fatto la lezione aperta: è l’ultimo incontro aperto alle famiglie dei bambini dove tutti possono dimostrare le competenze acquisite.  Si mostra la capacità musicale sviluppata e la competenza a costruire qualcosa tutti insieme avendo un obiettivo comune, attraverso l’esibizione in una coreografia. Successivamente si fa esperienza delle attività già provate durante il percorso ma insieme ai genitori: il bambino ha la possibilità di condividere il lavoro imparato con la famiglia, diventando il “tutor” del genitore a seguito dell’esperienza già fatta.

Quando ci si muove e si fa esperienza concreta, i concetti e i valori che ne conseguono saranno sicuramente compresi e interiorizzati meglio e più duraturi nel tempo. Alla base di tutto ciò c’è l’emozione: il movimento genera emozione, l’emozione genera il ricordo e  il ricordo, l’apprendimento.

Recent Posts